Nota AIFA 39 (Ormone della crescita)


ATTENZIONE: NOTA AIFA AGGIORNATA PERIODICAMENTE

ULTIMO AGGIORNAMENTO DEL 28/03/2023

(LA VERSIONE SEGUENTE E’ QUELLA PIU’ AGGIORNATA)



Farmaco in nota: somatotropina, somatrogon

ORMONE DELLA CRESCITA E ANALOGHI (SOMATROPINA, SOMATROGON)

La prescrizione di ormone della crescita e analoghi a carico del Servizio Sanitario Nazionale (SSN), su diagnosi e piano terapeutico di centri specializzati, Università, Aziende Ospedaliere, Aziende Sanitarie, IRCCS, individuati dalle Regioni e dalle Province autonome di Trento e Bolzano, è limitata alle condizioni sotto indicate in base all’età del soggetto in trattamento. Si sottolinea a tal proposito che la suddivisione in fasce d’età sotto riportata fa riferimento all’età del soggetto al momento della prescrizione e non al momento della prima diagnosi. NB. Si richiama al rispetto di quanto riportato nel Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto (RCP) delle diverse specialità medicinali, laddove questo preveda indicazioni e/o raccomandazioni più restrittive rispetto a quelle riportate nella presente Nota.

Periodo neonatale (entro il primo mese di vita)

Se durante una crisi ipoglicemica l’ormone della crescita (GH) sierico <5 ng/mL e se è presente almeno un altro deficit ipofisario e/o le classiche anomalie morfologiche RMN (ectopia della neuroipofisi, ipoplasia della adenoipofisi con anomalie del peduncolo). In tali casi non è necessario praticare i test farmacologici.

A partire dal secondo mese fino a 2 anni di vita

Se la RMN ha dimostrato una anomalia della adenoipofisi associata a quella del peduncolo e/o della neuroipofisi in un bambino con decelerazione della velocità di crescita (perdita di almeno 0,5 SDS di lunghezza) valutato per almeno 6 mesi e/o segni clinici riferibili a ipopituitarismo e\o ipoglicemia. In tali casi non è necessario praticare i test farmacologici.

Età evolutiva

Nelle seguenti condizioni:

  1. Bassa statura da deficit di GH (GHD), definita dai seguenti parametri:
    • Parametri clinico – auxologici:
      • statura ≤ -3 DS;
      • oppure statura ≤ -2 DS e velocità di crescita/anno ≤-1,0 DS per età e sesso valutata a
        distanza di almeno 6 mesi o una riduzione della statura di 0,5 DS/anno per l’età
        nei bambini di età superiore a due anni;
      • oppure statura ≤-1,5 DS rispetto al target genetico e velocità di crescita/anno ≤-2 DS o
        ≤-1,5 DS dopo 2 anni consecutivi;
      • oppure velocità di crescita/anno ≤-2 DS o ≤-1,5 DS dopo 2 anni consecutivi, anche in assenza di bassa statura e dopo aver escluso altre forme morbose come causa del deficit di crescita;
      • oppure malformazioni/lesioni ipotalamo-ipofisario dimostrate a livello neuo-radiologico.

associati a:

  1. Parametri di laboratorio:
    • Risposta di GH <8 μg/L a due diversi test farmacologici eseguiti in giorni differenti. Uno dei due test può essere GHRH+arginina ed in tal caso per GHD si intende una risposta di GH < 20 μg/L. Nota: Nei pazienti con diagnosi di deficit di GH effettuata prima del 2014 (nota 39 in cui il cut-off per il GHD era picco di GH <10 ng/mL) non è necessario ripetere i test da stimolo per la conferma diagnostica
    • Deficit staturale in pazienti con sindrome di Turner dimostrata citogeneticamente;
    • Deficit staturale nell’insufficienza renale cronica;
    • Soggetti affetti dalla sindrome di Prader Willi, dimostrata geneticamente, con normale funzionalità respiratoria e non affetti da: obesità severa (definita con BMI >95° centile), diabete mellito non controllato, sindrome dell’apnea ostruttiva nel sonno esclusa mediante poligrafia o polisonnografia, tumore in fase attiva, psicosi attiva;
    • Deficit staturale in soggetti con alterata funzione del gene SHOX, dimostrata geneticamente;
    • Bambini nati piccoli per l’età gestazionale (SGA-Small for Gestational Age), diagnosticati sulla base dei seguenti criteri:
      • Peso alla nascita nei nati singoli ≤-2 DS (<3° centile) per l’età gestazionale, secondo le tavole di Bertino; e/o
      • Lunghezza alla nascita ≤-2 DS secondo le tavole di Bertino; associate a:
      • Età ≥4 anni, al momento della proposta di terapia con ormone della crescita e analoghi;
      • Statura ≤-2,5 DS e velocità di crescita <50° centile;
    • Soggetti affetti dalla sindrome di Noonan, dimostrata geneticamente, con statura ≤ -2,5 DS.

Età di transizione

Si definisce “età di transizione” quella compresa tra il momento del raggiungimento della statura definitiva del soggetto trattato e l’età di 25 anni. Durante tale età:

  1. la terapia con ormone della crescita e analoghi può essere proseguita senza successive rivalutazioni nei soggetti con:
    • deficit di GH causato da mutazione genetica documentata;
    • panipopituitarismo o ipopituitarismo comprendente 3 o più deficit ipofisari congeniti o acquisiti.
  2. tutti gli altri soggetti con GHD devono essere rivalutati (re-testing) dopo almeno un mese dalla sospensione del trattamento sostitutivo con rGH e la terapia può essere proseguita se:
    • deficit di GH confermato con GH<6 μg/L dopo ipoglicemia insulinica (ITT);
    • deficit di GH confermato con GH<19 μg/L dopo GHRH+arginina.
  3. nei soggetti con Sindrome di Prader-Willi la terapia può essere proseguita se presentano:
    • panipopituitarismo congenito o acquisito organico;
    • oppure tre deficit ante-ipofisari associati;
    • oppure se dopo almeno un mese dalla sospensione del trattamento sostitutivo con GH si ottiene una risposta di GH <6 ng/ml dopo un test dell’ipoglicemia insulinica (ITT). Se controindicato l’ITT, effettuare una valutazione del BMI ed eseguire un test di stimolo combinato con GHRH + arginina e riprendere la terapia con GH se:
      • BMI < 25: picco di GH < 11,5 ng/ml
      • BMI 25-30: picco di GH < 8 ng/ml
      • BMI > 30: picco di GH < 4,1 ng/ml

Al raggiungimento della statura definitiva non è più indicata la terapia con rGH nelle seguenti patologie:

  • Sindrome di Turner;
  • Insufficienza renale cronica;
  • Soggetti nati piccoli per età gestazionale (SGA);
  • Soggetti con alterata funzione del gene SHOX;
  • Soggetti con sindrome di Noonan accertata geneticamente

Età adulta
La terapia con rGH in età adulta è indicata nei casi di:

  1. Ipopituitarismo post ipofisectomia totale o parziale (chirurgica, da radiazioni);
  2. Ipopituitarismo idiopatico, post ipofisite autoimmune, post trauma cranioencefalico, da terapie chirurgiche o radianti per neoplasie sellari e parasellari, da sella vuota primitiva, da Sindrome di Sheehan;
  3. Deficit congenito di GH da causa genetica dimostrata.

I test diagnostici da utilizzare e i livelli di GH che indicano un deficit dipendono dal BMI e dall’età, per cui:

  • in pazienti obesi (BMI >30 kg/m2 ): utilizzare GHRH+arginina; GH deficit se il picco di GH <4 μg/L;
  • in pazienti con BMI <29,9 kg/m2 e con età >25 anni: GH deficit se con il test dell’ipoglicemia insulinica (ITT) GH <3 μg/L oppure con il test GHRH+arginina GH <9 μg/L.

NB. Somatrogon è indicato per il trattamento di bambini e adolescenti a partire dai 3 anni di età con disturbi della crescita da insufficiente secrezione dell’ormone della crescita. Somatrogon non è indicato per il trattamento a lungo termine di pazienti pediatrici con scarso accrescimento dovuto a sindrome di Prader-Willi geneticamente confermata, a meno che non abbiano ricevuto anche una diagnosi di GHD.

DESCRIZIONE COMPLETA DELLA NOTA: Razionale

Commissioni regionali

In ogni regione sono costituite le Commissioni regionali preposte alla sorveglianza epidemiologica relativa alla terapia con ormone della crescita e analoghi a livello regionale. Le Commissioni svolgono attività valutativa, quale, ad esempio, individuazione dei centri autorizzati alla prescrizione o monitoraggio dell’appropriatezza del trattamento, e autorizzativa nei casi di richieste specifiche sottoposte dai centri clinici. Le Commissioni, previa valutazione di tutta la documentazione necessaria, possono autorizzare esclusivamente la rimborsabilità della terapia con ormone della crescita e analoghi nei casi di indicazioni autorizzate (come da scheda tecnica del farmaco) ma non corrispondenti ai criteri previsti dalla Nota. A tal proposito, si consiglia di prendere visione dei documenti su tale tema elaborati congiuntamente dalle Società Scientifiche, dall’AIFA e dall’Istituto Superiore di Sanità. Si ribadisce che l’uso di un farmaco a base di ormone della crescita e analoghi per una patologia non compresa nelle indicazioni autorizzate è da ritenersi off-label ed è, pertanto, soggetto alla normativa vigente.

Età evolutiva

In soggetti di età inferiore a 8 anni nelle femmine e 9 anni nei maschi o di età maggiore purché impuberi (G1, B1, PH1 di Tanner) con statura < -3 DS oppure statura < -2,5 DS e velocità di crescita/anno < -1 DS rispetto alla norma per età e sesso, misurata con le stesse modalità a distanza di almeno 6 mesi e che pur non presentando una chiara riduzione dei livelli di GH ricadono in una condizione clinicamente riconducibile al deficit di GH, la terapia può essere rimborsata solo se autorizzata dalla Commissione Regionale preposta alla sorveglianza epidemiologica e al monitoraggio dell’appropriatezza del trattamento con ormone della crescita e analoghi. Il dosaggio delle formulazioni a base di somatropina non dovrà superare 50μg/kg/die (raccomandazione EMA). Nei soggetti in trattamento con Somatrogon si consiglia di monitorare i livelli di IGF-I ogni 3 mesi. Nei soggetti con deficit isolato di GH, senza anomalie neuro-radiologiche e in assenza di mutazioni genetiche, è consigliabile effettuare il re-testing durante il periodo puberale, prima del raggiungimento della statura definitiva. Nella sindrome di Turner, nei pazienti con IRC, e nei bambini SGA, SHOXD e sindrome di Noonan, la terapia deve essere sospesa al raggiungimento della statura finale.

Età di transizione

Nei pazienti con deficit congenito di GH da causa genetica dimostrata e in quelli con ipopituitarismo comprendente 3 o più deficit ipofisari (considerando il deficit di FSH/LH come un unico difetto gonadotropinico) già accertati, la presenza del deficit di GH è fortemente probabile e pertanto i test di stimolo potrebbero essere opzionali.

Età adulta

Soggetti adulti con deficit di GH presentano un quadro clinico sindromico che comprende un peggioramento della qualità di vita misurato con test psicometrici validati, una riduzione della forza muscolare, un aumento dell’adipe viscerale che, insieme a un peggioramento del metabolismo lipidico, costituisce un fattore di rischio per complicanze cardiovascolari che precocemente possono portare a morte questi pazienti. Il trattamento sostitutivo con GH biosintetico va comunque riservato solo ai casi nei quali vi sia un severo deficit di GH all’interno di un appropriato contesto clinico e dimostrato secondo i parametri sopra riportati. Il test GHRH+arginina e il test ITT sono considerati parimenti test di prima scelta sulla base di estesi studi consegnati alla letteratura e riconosciuti a livello di Consensus Conference Internazionali. È raccomandato che questi test siano usati con riferimento a limiti di normalità specifici per ognuno dei test (vedi sopra). Nei pazienti con deficit congenito di GH da causa genetica dimostrata e in quelli con ipopituitarismo comprendente almeno 3 o più deficit ipofisari (considerando il deficit di FSH/LH come un unico difetto gonadotropinico) già accertati, la presenza del deficit di GH è fortemente probabile e pertanto i test di stimolo potrebbero essere opzionali. Il rigoroso rispetto di tali criteri clinici ed ormonali esclude la possibilità di un uso improprio o eccessivo del farmaco.

Sorveglianza

L’Istituto Superiore di Sanità (ISS) è incaricato della sorveglianza epidemiologica nazionale
mediante un Registro informatizzato dell’ormone della crescita (Registro Nazionale degli
Assuntori dell’Ormone della Crescita-RNAOC)), incluso nel DPCM 3 marzo 2017-allegato B
(G.U. 12/5/2017). L’attività del registro nazionale si svolge in stretta collaborazione con le
Commissioni Regionali, nominate dalle singole Regioni, che indicano i centri autorizzati alla
prescrizione dell’ormone della crescita e analoghi e supervisionano l’attività dei centri
stessi. La registrazione delle prescrizioni nel registro dell’ISS, o in Registri Regionali (compreso
quello delle Malattie rare), che devono comunque prevedere la raccolta delle informazioni
richieste dalla Nota 39 e l’integrazione nel database nazionale del RNAOC, è condizione
vincolante per la rimborsabilità della terapia da parte del SSN. Annualmente l’Istituto Superiore
di Sanità provvederà a redigere un rapporto e a inviarlo all’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) e
alla Conferenza degli Assessori alla Sanità delle Regioni e Province autonome.

Attività Sportiva

Per chiunque pratichi attività sportiva organizzata sotto l’egida della Federazione Internazionale competente e/o del CONI e/o del Comitato Italiano Paralimpico (CIP), anche se il trattamento che effettua è contemplato dalla Nota 39, è comunque necessario ottenere l’esenzione ai fini terapeutici nel rispetto della normativa antidoping.

Bibliografia

  • Aimaretti G, Corneli G, Razzore P, Bellone S, Baffoni C, Arvat E, Camanni F, Ghigo E. Comparison
    between insulin-induced hypoglycemia and growth hormone (GH)-releasing hormone + arginine
    as provocative tests for the diagnosis of GH deficiency in adults. J Clin Endocrinol Metab. 1998
    May; 83(5):1615-8.
  • Colao A, Di Somma C, Savastano S, Rota F, Savanelli MC, Aimaretti G, Lombardi G. A reappraisal
    of diagnosing GH deficiency in adults: role of gender, age, waist circumference, and body mass
    index. J Clin Endocrinol Metab. 2009 Nov;94(11):4414-22.
  • Badaru A, Wilson DM. Alternatives to growth hormone stimulation testing in children. Trends
    Endocrinol Metab. 2004;15: 252-58.
  • Biller BM, Samuels MH, Zagar A, Cook DM, Arafah BM, Bonert V, Stavrou S, Kleinberg DL,
    Chipman JJ, Hartman ML. Sensitivity and specificity of six tests for the diagnosis of adult GH
    deficiency. J Clin Endocrinol Metab. 2002 May; 87(5):2067-79.
  • Bertino et al. Neonatal Anthropometric Charts: The Italian Neonatal Study Compared With
    Other European Studies J. Pediatr Gastroenterol Nutrition. 2010; 51: 353-61.
  • Cappa M, Loche S. Evaluation of growth disorders in the paediatric clinic. J Endocrinol Invest.
    2003; 26: 54-63.
  • Clayton PE, Cuneo RC, Juul A, Monson JP, Shalet SM, Tauber M; European Society of Paediatric
    Endocrinology. Consensus statement on the management of the GH-treated adolescent in the
    transition to adult care. Eur J Endocrinol. 2005 Feb; 152(2):165-70.
  • Consensus guidelines for the diagnosis and treatment of growth hormone (GH) deficiency in
    childhood and adolescence: Summary statement of the GH research society. J Clin Endocrinol
    Metab. 2000; 85: 3990-93.
  • Cook D, Yuen K, Biller BMK, Kemp SF, Vance ML. American Association of Clinical
    Endocrinologists medical guidelines for clinical practice for growth hormone use in growth
    hormone-deficient adults and transition patients – 2009 update. End Pract 2009; 15: 1.
  • Corneli G, Di Somma C, Baldelli R, Rovere S, Gasco V, Croce CG, Grottoli S, Maccario M, Colao A,
    Lombardi G, Ghigo E, Camanni F, Aimaretti G. The cut-off limits of the GH response to GH
    releasing hormone-arginine test related to body mass index. Eur J Endocrinol. 2005
    Aug;153(2):257-64.
  • Corneli G, Di Somma C, Prodam F, Bellone J, Bellone S, Gasco V, Baldelli R, Rovere S, Schneider
    HJ, Gargantini L, Gastaldi R, Ghizzoni L, Valle D, Salerno M, Colao A, Bona G, Ghigo E, Maghnie
    M, Aimaretti G. Cut-off limits of the GH response to GHRH plus arginine test and IGF-I levels for
    the diagnosis of GH deficiency in late adolescents and young adults. Eur J Endocrinol. 2007
    Dec;157(6):701-8.
  • Dahlgren J, Albertsson Wikland K. Final Height in Short Children Born Small for Gestational Age
    Treated with Growth Hormone Ped Research. 2005;57: 216-22.
  • Dattani M, Preece M. Growth hormone deficiency and related disorders: insights into causation,
    diagnosis, and treatment. Lancet. 2004;363:1977-87.
  • Deal CL, Tony M, Hbybye C, Allen DB, Tauber M, Christiansen JS; 2011 Growth Hormone in
    Prader-Willi Syndrome Clinical Care Guidelines Workshop Participants. Growth Hormone
    Research Society workshop summary: consensus guidelines for recombinant human growth
    hormone therapy in Prader-Willi syndrome. J Clin Endocrinol Metab. 2013 Jun;98(6):E1072-87.
    doi: 10.1210/jc.2012-3888. Epub 2013 Mar 29. Review.
  • Ghigo E, Aimaretti G, Corneli G. Review. Diagnosis of adult GH deficiency. Growth Horm IGF Res.
    2008 Feb;18(1):1-16. Epub 2007 Sep 4.
  • Grimberg A, DiVall SA, Polychronakos C, Allen DB, Cohen LE, Quintos JB, Rossi WC, Feudtner C,
    and Murado MH on behalf of the Drug and Therapeutics and Ethics Committees of the Pediatric
    Endocrine Society. Guidelines for Growth Hormone and IGF-I Treatment in Children an
  • Adolescents: Growth Hormone Deficiency, Idiopathic Short Stature, and Primary IGF-I
  • Deficiency. Horm Res Paediatr. 2016;86:361-397.
  • Guzzetti C, Ibba A, Pilia S, Beltrami N, Di lorgi N, Rollo A, Fratangeli N, Radetti G, Zucchini S,
    Maghnie M, Cappa M, Loche S. Cut-off limits of the peak GH response to stimulation tests for
    the diagnosis of GH deficiency in children and adolescents: study in patients with organic GHD.
    EurJ Endocrinol. 2016, 175: 41-47.
  • Ho KK. Consensus guidelines for the diagnosis and treatment of adults with GH deficiency II: a
    statement of the GH Research Society in association with the European Society for Pediatric
    Endocrinology, Lawson Wilkins Society, European Society of Endocrinology, Japan Endocrine
    Society, and Endocrine Society of Australia. Eur J Endocrino.I 157: 695, 2007.
  • Kratz CP, Franke L, Peters H, Kohlschmidt N, Kazmierczak B, Finckh U, Bier A, Eichhorn B, Blank
    C, Kraus C, Kohlhase J, Pauli S, Wildhardt G, Kutsche K, Auber B, Christmann A, Bachmann N,
    Mitter D, Cremer FW, Mayer K, Daumer-Haas C, Nevinny-Stickel-Hinzpeter C, Oeffner F, Schlüter
    G, Gencik M, Überlacker B, Lissewski C, Schanze I, Greene MH, Spix C, Zenker M. Cancer
    spectrum and frequency among children with Noonan, Costello, and cardio-facio-cutaneous
    syndromes. Br J Cancer. 2015 Apr 14;112(8):1392-7. doi: 10.1038/bjc.2015.75. Epub 2015 Mar 5.
  • Loche S, Di lorgi N, Patti G, Noli S, Giaccardi M, Olivieri I, Ibba A, Maghnie M. Growth Hormone Deficiency
    in the Transition Age. Endocr Dev. 2018; 33:46-56. doi: 10.1159/000487525. Epub 2018 Jun 8.
  • Maghnie M, Ghirardello S, Genovese E. Magnetic resonance imaging of the
    hypothalamuspituitary unit in children suspected of hypopituitarism: who, how and when to
    investigate. J Endocrinol Invest. 2004; 27: 496-509.
  • Maghnie M, Aimaretti G, Bellone 5, Bona G, Bellone J, Baldelli R, de Sanctis C, Gargantini L,
    Gastaldi R, Ghizzoni L, Secco A, Tinelli C, Ghigo E. Diagnosis of GH deficiency in the transition
    period: accuracy of insulin tolerance test and insulin-like growth factor-I measurement.
    European Journal of Endocrinology, 2005; 152:589-96.
  • Marostica E, Grugni G, De Nicolao G, Marazzi N, Crinò A, Cappa M, Sartorio A. The GHRH +
    arginine stimulated pituitary GH secretion in children and adults with Prader-Willi syndrome
    shows age- and BMI-dependent and genotype-related differences. Growth Horm IGF Res. 2013
    Dec;23(6):261-6. doi:10.1016/j.ghir.2013.09.004.
  • Molitch ME, Clemmons DR, Malozowski S, Merriam GR, Vance ML. Evaluation and treatment of
    adult growth hormone deficiency: an endocrine society clinical practice guideline. J Clin
    Endocrinol Metab. 96:1587, 2011.
  • Molitch ME, Clemmons DR, Malozowski S, Merriam GR, Vance ML; Endocrine Society. Evaluation
    and treatment of adult growth hormone deficiency: an Endocrine Society clinical practice
    guideline. J Clin Endocrinol Metab. 2011 Jun;96(6):1587-609. doi: 10.1210/jc.2011-0179.
  • Rosilio M et al. Adult height of prepubertal short children born small for gestational age treated
    with GH. EurJ End. 2005; 152:835-43.
  • Tanaka T, Cohen P, Clayton PE, Laron Z, Hintz RL, Sizonenko PC. Diagnosis and management of
    growth hormone deficiency in childhood and adolescence–part 2: growth hormone treatment
    in growth hormone deficient children. Growth Horm IGF Res. 2002;12: 323-41.
  • Villani A, Greer MC, Kalish JM, Nakagawara A, Nathanson KL, Pajtler KW, Pfister SM, Walsh MF,
    Wasserman JD, Zelley K, Kratz CP. Recommendations for Cancer Surveillance in Individuals with
    RASopathies and Other Rare Genetic Conditions with Increased Cancer Risk. Clin Cancer Res.
    2017 Jun 15;23(12):e83-e90. doi: 10.1158/1078-0432.CCR-17-0631.
  • Wit JM et al. Idiopathic short stature: definition, epidemiology, and diagnostic evaluation.
    Growth Horm IGF Res. 18:89-110, 2008.
    guest
    0 Commenti
    Commenti Inline
    Vedi tutti i commenti